News
  • Scrigni e Tesori Restart - GEP 2021
    SCRIGNI E TESORI RESTART VISITE GUIDATE GRATUITE ALL'ANGELO DEL REAL MONT
  • Scrigni e Tesori - Restart: La chiesa di S. Michele
    Per questo secondo appuntamento con Scrigni e Tesori Restart, entriamo insi
  • IL RICORDO DI UNA SCOMPARSA, L’ANNUNCIO DI UNA SCOPERTA.
      IL RICORDO DI UNA SCOMPARSA, L’ANNUNCIO DI UNA SCOPERTA. Rinvenuta
  • Scrigni e Tesori - Restart: il campanile della Cattedrale
    Sono passati quasi tre anni da quando abbiamo vissuto insieme un'esperienza
  • Un "faro" sul porto di Barletta
    La nostra lettera aperta alle Istituzioni e alla città sulla situazione de
  • Pubblicazione del volume
    Mia cara piccola moglie. La donazione De Nittis dall'atelier al museo. C
  • 174° anniversario della nascita di Giuseppe De Nittis
      Martedì 25 febbraio, in occasione del 174° anniversario della nascit
  • Assemblea soci 2020
        Venerdì 28 febbraio 2020 alle ore 18.00 assemblea ordinaria dei
  • Mia cara piccola moglie...
    Mia cara piccola moglie La donazione De Nittis dall'atelier al museo
  • Assemblea soci 2019
    #savethedate SABATO 16 FEBBRAIO ORE 17.00  ASSEMBLEA ORDINARIA DEI SO
  • Il Sole di San Martino - II edizione
      PER Ci sarà anche l'ArcheoBarletta questa sera a Il Sole di
  • Scrigni e tesori
    Domenica 28 ottobre ultimo appuntamento presso la CATTEDRALE (chiesa -
  • Per fare un po' di chiarezza
    Nei giorni scorsi alcune testate on line locali hanno riportato la notizia
  • III convegno di studi "Storia della città"
    Archeologia Storia Arte Materiali per la storia di Barletta tra Otto e Nove
  • 172° anniversario DENITTIS
      25 FEBBRAIO 1846 BUON COMPLEANNO DE NITTIS DA https://www.face
  • Convocazione assemblea soci 2018
      CONVOCAZIONE ASSEMBLEA SOCI 2018 L’assemblea ordinaria dei soci si
  • ASL Liceo Casardi - ArcheoBarletta
    La nostra esperienza di #AlternanzaScuolaLavoro con il Liceo Classico A. Ca
  • Asl Liceo Cafiero - ArcheoBarletta
  • Ritorno alle tradizioni: l'artigianato si racconta
    DOMENICA 27 AGOSTO ORE 20 - 22 Ritorno alle tradizioni: l'artigianato
  • Potenziamento Info point turistico Barletta
      Parte venerdì 4 agosto il progetto di potenziamento e valorizzazione
  • Mostra sulla Cantina sperimentale
    Si inaugurerà giovedì 22 giugno alle ore 19.30 la mostra “La Cantina Sp
  • Notte dei Musei 2017
    Stasera è la NottedeiMusei2017: l' ArcheoBarletta c'è! Visite guidate g
  • #8marzoalmuseo
    Mercoledì 8 marzo, grazie alla collaborazione tra l’Amministrazione c
  • Assemblea ordinaria dei soci
    Come ogni anno, appuntamento con l’assemblea ordinaria dei soci in I conv
  • La Disfida di Barletta tra storia e romanzo
      Sabato 11 e domenica 12 febbraio immergetevi nel racconto della Disfid
  • Visite guidate all'ala federiciana
    MARTEDI 3 GENNAIO 2017 VISITE GUIDATE GRATUITE ALL'ALA FEDERICIANA ORE
  • Natale nell'arte. Natività nelle chiese di Barletta
    Ecco le foto del nostro ultimo appuntamento con Natale nell'arte di venerd
  • "CASA DE NITTIS": VISITE GUIDATE GRATUITE
      Con le guide dell'Archeoclub l'appuntamento è VENERDI 30 DICEMBRE
  • GEP 2016: Sulle tracce di Annibale
      GEP 2016 SULLE TRACCE DI ANNIBALE In occasione delle Giornate Eur
  • Camminando verso Canne
      CAMMINANDO VERSO CANNE Sabato 3 settembre ultimo appuntamento con l
  • Buon compleanno De Nittis!
      25 febbraio 1846 -2016 170° anniversario della nascita di Giuseppe
  • Convocazione Direttivo e Assemblea soci 2016
      La riunione del consiglio direttivo si terrà giovedì 4 febbraio p.v.
  • Progetto SACTerre Diomedee: l'Archeoclub c'è!
    L'Archeoclub di Barletta partecipa al progetto SAC - TERRE DIOMEDEE promoss
  • Giornate del volontariato 2015
    Nell'ambito delle iniziative delle Giornate del Volontariato che si svo
  • L'ARCHEOCLUB PER POD 2015
    Puglia Open Days 2015 con l'Archeoclub di Barletta  
  • "Basta con gli anni zero di Canne della Battaglia, servono servizi di ricezione turistica"
  • Le nostre novità: la gallery fotografica e il canale you tube

Scrigni e Tesori Restart - GEP 2021

SCRIGNI E TESORI RESTART

VISITE GUIDATE GRATUITE ALL'ANGELO DEL REAL MONTE DI PIETA' E ALLA CHIESA DI S. MICHELE


In occasione delle Giornate Europee del Patrimonio che si svolgeranno il 25 e 26 settembre 2021, ArcheoBarletta a.p.s. propone Scrigni e Tesori Restart, un appuntamento culturale “on site” che coinvolge il Real Monte di Pietà (attuale Prefettura) e la vicina chiesa di S. Michele.

ArcheoBarletta a.p.s., in linea con la mission più che quarantennale di conoscenza, divulgazione e valorizzazione dei beni culturali del territorio, propone visite guidate gratuite alla scoperta di opere d’arte e luoghi religiosi poco conosciuti al pubblico e che sono stati interessati da recenti e importanti restauri:

La scultura lignea dell’Angelo in estofado de oro che, dopo anni di restauri presso i laboratori della Soprintendenza di Bari, è stata recentemente riportata, grazie all’intervento della Prefettura della Provincia BAT, nel suo luogo d’origine, ossia il Real Monte di Pietà;

-  La chiesa di S. Michele, un piccolo edificio di culto nel cuore del centro storico di Barletta, anch’esso restituito alla fruizione pubblica dopo un lungo intervento di restauro ad opera dell’Arcidiocesi di Trani Barletta, Bisceglie e Nazareth

L’iniziativa verrà presentata sabato 25 settembre alle ore 18,00 presso il Real Monte di Pietà con la partecipazione del dott. Sergio MazziaVice Prefetto della Prefettura della Provincia BAT e di Eva Fenicia, restauratrice della Soprintendenza di Bari, che illustrerà i restauri effettuati sulla statua lignea.

Le visite guidate si svolgeranno:

sabato 25 settembre:

Real Monte di Pietà: ore 18.00 – 19.30

Chiesa di S. Michele: ore 18.30 – 20.00

domenica 26 settembre:

Real Monte di Pietà: ore 10.30 - 11.30 e ore 18.00 – 19.00

Chiesa di S. Michele: ore 10.30 - 12.30 e ore 18.00 – 20.00

L’evento si inserisce nella trentesima edizione delle GEP, Giornate Europee del Patrimonio, la più importante e partecipata manifestazione culturale d’Europa, promossa dal Consiglio d’Europa e dalla Commissione Europea. Gli appuntamenti sono organizzati da ArcheoBarletta a.p.s. in collaborazione con la Prefettura della Provincia BAT e l’Arcidiocesi di Trani, Barletta, Bisceglie e Nazareth.

L’iniziativa si svolgerà nel rispetto delle vigenti normative anti-covid. L’ingresso è consentito con mascherina e green pass.

Per informazioni: +39 348 373 9839 - https://www.facebook.com/archeo.barletta

Rassegna stampa negli allegati:

 

IL RICORDO DI UNA SCOMPARSA, L’ANNUNCIO DI UNA SCOPERTA.

 

IL RICORDO DI UNA SCOMPARSA, L’ANNUNCIO DI UNA SCOPERTA.

Rinvenuta a Portici la tomba di Raffaele De Nittis, figlio di Giuseppe e Léontine

 

‹‹De Nittis morto, lui che aveva trentotto anni, lui che era così giovane nello spirito e nel corpo, così vivace, così pieno di vita, così felice di vivere! Ahimè! la notizia è troppo vera!››, così scriveva incredulo Charles Bigot ne Le XIXe siècle qualche giorno dopo la scomparsa improvvisa di Giuseppe De Nittis, avvenuta il 21 agosto del 1884. La sorpresa che colse in quei giorni gli amici più o meno stretti del pittore barlettano è la stessa che ci accompagna nel continuare ad indagare la storia dell’artista e della sua famiglia.

Dopo mesi di ricerche e indagini coadiuvate dalla preziosa collaborazione di due amici residenti nel comune di Portici, Giorgio Vanacore e Carlo de Francesco, l’associazione ArcheoBarletta rivela al pubblico l’esistenza di un terzo figlio di Giuseppe e Léontine: Raffaele Gaetano, deceduto a Portici a soli due mesi dalla nascita. La scoperta è avvenuta grazie alla segnalazione presso il cimitero di Portici di una lapide spoglia e poco curata di un bambino, che ha immediatamente attirato la nostra attenzione, in particolare per la presenza dell’iscrizione in francese che accompagna il nome del defunto ‹‹Raffaele De Nittis – Mort a 2 mois le 28 Mai 1871››.

Dopo una serie di confronti e ricerche condotte sinergicamente con i due amici porticesi, l’ufficio cimiteriale di Portici ci ha attestato che in quella tomba era sepolto il piccolo Raffaele di due mesi di età. Dall’esame dei registri dei defunti depositati presso la Chiesa madre della cittadina campana, è emersa l’annotazione ufficiale: ‹‹dopo aver ricevuto i SS. Sacramenti è morto Raffaele Denittis di Portici, figlio di Giuseppe e Lucile Leontine Gruvelle di mesi due››. Quest’informazione ha trovato conferma nei registri degli atti di nascita del Comune di Portici con la dichiarazione, con tanto di firma, di ‹‹Giuseppe Denittis fu Raffaele d’anni venticinque››, che il giorno 18 marzo 1871 ‹‹all’ore otto antimeridiane dalla di lui moglie Signora Lucile Léontine Gruvelle di Carlo›› è nato Raffaele Gaetano, il tutto alla presenza di ‹‹Lorenzo Celentani di Luigi di anni 36, di professione Possidente e Marco De Gregorio fu Francesco di anni 36, di professione Pittore Artista, testimoni scelti dal dichiarante […]››. E ancora nell’atto di morte si legge: ‹‹[…] alle ore sei pomeridiane del giorno ventotto del corrente mese di maggio, in questo comune di Portici, nella casa del Signor Casillo sito corso Garibaldi, è morto Raffaele Denittis, di mesi due, domiciliato in detto luogo di Portici, figlio di Giuseppe, Pittore artista, e di Lucile Léontine Gruvelle […]››.

La notizia svela, dunque, la nascita di un terzo figlio, un particolare inedito della vita dell’artista e di sua moglie Léontine. Raffaele, infatti, venne alla luce dopo circa un anno dalla primogenita Thérèse Lucile Joséphine Léontine, nata a Parigi nel febbraio 1870 e morta agli inizi di aprile dello stesso anno.  Soltanto nel luglio 1872 nascerà Jacques che vivrà fino a 34 anni. La nascita di Raffaele nel 1871 e di Jacques nel 1872, rispettivamente a Portici e Resina, ci conferma, inoltre, il profondo legame di Giuseppe De Nittis con questi luoghi napoletani sin dalla sua giovinezza.

Da poco giunto a Napoli per frequentare L’Accademia delle Belle Arti, infatti, il giovanissimo Giuseppe, ribelle e insofferente verso ogni insegnamento accademico, ne venne espulso qualche tempo dopo. Saranno proprio gli anni della “Scuola di Resina” fondata intorno al 1863, a caratterizzare quel periodo fertile artisticamente in cui il diciassettenne Peppino, insieme ai suoi compagni Federico Rossano e Marco De Gregorio, si mosse e visse di profonde ispirazioni naturalistiche e paesaggistiche che lo attiravano voracemente verso la campagna, la natura, i cieli per interpretarne ogni vibrazione di colore “dal vero”.

Portici, però, ha rappresentato per l’artista di Barletta anche un riferimento importante in un altro significativo periodo della sua breve vita: quando nel 1870 scoppiò la guerra franco-prussiana, egli si trovava a Parigi e fu costretto ad abbandonarla per tornare proprio alle pendici di quel Vesuvio che sarà per lui nuova fonte di ispirazione artistica. Qui visse in quegli anni con la sua amata Léontine condividendo con gli amici di un tempo non solo nuove esperienze artistiche ma anche gioie e dolori personali. Marco de Gregorio sarà uno dei testimoni citati nell’atto di nascita del piccolo Raffaele e, insieme a Federico Rossano, sarà testimone anche della nascita di Jacques a Resina dopo circa un anno.

Questa nuova scoperta può chiarire ulteriormente alcune questioni cronologiche legate alla datazione e attribuzione di alcuni dipinti. Proprio in quest’ottica possiamo rileggere il piccolo quadro riportato nella pubblicazione di Dini-Marini col titolo “La figlioletta dell’artista”, identificandone il soggetto non con la primogenita Thérèse ma col piccolo Raffaele. L’opera, infatti, riporta la dedica ‹‹Souvenir pour 29 Avril, à sa femme. De Nittis 71››, donato, dunque, dall’artista alla moglie nel giorno del loro anniversario di matrimonio nell’aprile 1871, quando il piccolo Raffaele aveva poco più di un mese.

RASSEGNA STAMPA:

Il servizio di Giovanni Di Benedetto su TeleNorba: Barletta, il terzo figlio di Giuseppe De Nittis

 
Calendario Eventi
<<  Luglio 2021  >>
 Lu  Ma  Me  Gi  Ve  Sa  Do 
     1  2  3  4
  5  6  7  8  91011
12131415161718
19202122232425
262728293031 
Chi è on line
 43 visitatori online